Corone telescopiche - dalla produzione convenzionale a quella digitale

Nella tecnologia convenzionale, le corone telescopiche - chiamate anche corone doppie - erano solitamente realizzate in leghe d'oro o con l'aiuto della tecnica galvanica. Con l'avvento della tecnologia digitale si sono aperte nuove possibilità nel campo della produzione di corone telescopiche, come zirconia, leghe di metalli non preziosi, titanio o resina PEEK.

Indice:

  • Corona telescopica
    -    Corone telescopiche a pareti parallele
    -    Corona conica
    -    Corone telescopiche resilienti
    -    Corona galvanica

  • Protesi telescopica
    -    Ponte telescopico
    -    Struttura terziaria

  • Vantaggi

  • Svantaggi

  • Requisiti per la preparazione

  • Fabbricazione di corone telescopiche

Corona telescopica

La corona telescopica è costituita da una corona interna (nota anche come telescopica primaria o interna) e una corona esterna (nota anche come telescopica secondaria o esterna). Viene utilizzata per fissare protesi rimovibili. I denti rimanenti vengono utilizzati per l'ancoraggio.

Si cementa sul moncone del dente preparato una telescopica primaria, modellata con uno spessore minimo specifico in base alle proprietà del materiale. Come suggerisce il nome, la telescopica secondaria viene spinta sopra la telescopica primaria come un telescopio ed è saldamente collegata alla parte rimovibile della protesi. Le due corone combaciano perfettamente, è fondamentale assicurarsi che siano inserite in direzione parallela. La sottilissima pellicola di saliva ha un effetto positivo con questa tecnica, poiché le corone scivolano dolcemente l'una nell'altra e si crea un legame adesivo tra le corone.

Il termine corona telescopica è generalmente usato come termine collettivo per doppie corone. Queste si dividono in tre classi specifiche:
 

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Il dentista decide sulla base delle condizioni individuali nella bocca del paziente se è possibile una corona o un ponte.
Se il moncone merita ancora di essere conservato, può essere dotato di una corona. Tuttavia, se è presente uno spazio tra i denti, sono necessari due denti pilastro per il restauro del ponte. Il restauro è fornito da un elemento intermedio del ponte, che è fissato ai denti adiacenti con l'aiuto di corone/ancoraggi per ponti.

Vantaggi del lavoro telescopico

La protesi telescopica/ponte telescopico può essere estesa/o a una protesi completa in caso di perdita di denti aggiuntivi. In particolare le persone anziane, che in genere hanno difficoltà ad adattarsi alla protesi dentale, possono abituarsi più facilmente al corpo estraneo in bocca. La rimozione della protesi facilita anche la pulizia. A differenza di altri restauri dentali, la protesi può essere utilizzata a lungo.

Nella mascella superiore, la protesi telescopica può in alcuni casi fare a meno di una placca palatale, cosa che molti pazienti trovano più piacevole.

Poiché questo tipo di restauro è completamente rivestito di resina, si avvicina esteticamente molto alla dentatura naturale ed è quindi molto popolare.
 

Svantaggi del lavoro telescopico

Lo svantaggio più grande sono probabilmente i costi relativamente elevati. Poiché durante la produzione devono essere realizzate due corone per ogni dente. Inoltre, può essere tecnicamente implementato solo se il lavoro è molto preciso.

Requisiti per la preparazione delle corone telescopiche

Bisogna creare molto spazio per le corone telescopiche. Come guida, si consiglia di pianificare due spessori di metallo di 0,3-0,4 mm ciascuno e la corrispondente copertura ceramica di 0,8 mm.

Il passaggio dalle corone artificiali a quelle naturali deve essere armonioso e corrispondere all'anatomia del dente. Quando si preparano due o più denti, occorre prestare attenzione per garantire che l’asse d’inserzione sia la stesso.

In questo modo può essere creato un lavoro più delicato, esteticamente di alta qualità e consente al paziente di incorporare la protesi più facilmente.
 

digitaler Modellguss in PEEK

Produzione di corone telescopiche

L'era digitale ha anche creato molte nuove opportunità in odontotecnica. Le corone telescopiche prodotte digitalmente fissano la tecnologia a nuovi standard di qualità. Oggigiorno le telescopiche interne sono progettate con il software CAD. Con pochi clic, la telescopica può essere impostata rapidamente e con uno spessore di parete sottile e circolarmente costante. La laboriosa attività di misurazione e l'assottigliamento della corona appartengono al passato. Anche i gradini o gli angoli del cono possono essere integrati rapidamente e facilmente nella modellazione. Per il processo CAM è disponibile un'ampia varietà di procedure e materiali di produzione. 

Il cliente può scegliere tra telescopiche prodotti mediante fusione laser o processi sottrattivi. È disponibile un'ampia varietà di materiali, dal classico cromo-cobalto, titanio e oro alla zirconia e PEEK.

Nella produzione convenzionale il lavoro dipendeva dalla precisione dell'odontotecnico e dalla sua modellazione. I problemi con la produzione convenzionale di corone telescopiche includevano processi di fusione difettosi, distorsioni e scarso attrito. L’odontotecnico può svolgere un lavoro preciso nella produzione digitale. Ma anche se la digitalizzazione si è molto semplificata e alcuni problemi nella produzione di corone telescopiche sono un ricordo del passato, ci sono nuove sfide che gli odontotecnici devono affrontare.

Le telescopiche prodotte in LaserMelting, ad esempio, hanno una superficie ottica diversa e sconosciuta a cui ci si deve abituare. Il flusso di lavoro è stato ripensato da analogico a digitale e, a seconda dei parametri trovati, porta con sé molte nuove possibilità.

In caso di domande sulle corone telescopiche realizzate con CAD / CAM, non esitate a contattare i nostri esperti. Vi consiglieremo da collega a collega!